Royale' Creative

facebook twitter

Musei

'AlbumArte', 'Meltingsun' e Christine Rebet: nasce a Roma un Project Space internazionale

Da vecchia rimessa di carrozze per il trasporto pubblico a polo artistico contemporane. Gią laboratorio per creativi in residenza diventa ora un vero centro espositivo polivalente. Si inizia con una giovane artista francese
Redazione/TB - 07/10/2014
Titolo: Christine Rebet, 'Melting sun', 2014
Era una vecchia rimessa di Villa Poniatowsky, uno spazio utilizzato come deposito di carrozze per il trasporto pubblico, successivamente utilizzata dall'associazione culturale non-profit 'AlbumArte', che opera in Italia e all'estero, come laboratorio per gli artisti in residenza. Oggi, il salto di qualità: questa grande struttura in via Flaminia diventa a tutti gli effetti un vero centro espositivo per mostre, performance, workshop, talk con esponenti della cultura contemporanea, videoscreening e azioni artistiche itineranti organizzate dalla stessa associazione AlbumArte. Un polo artistico, dunque, "i cui progetti si concentrano sullo sviluppo, la diffusione e la ricerca nell'ambito del linguaggio artistico contemporaneo", spiega la presidente dell'associazione Cristina Cobianchi insieme alla direttrice artistica dello spazio Maria Rosa Sossai. Ad inaugurare questa "nuovo" spazio espositivo martedì 7 ottobre 2014, è stata la prima mostra personale in Italia dell’artista francese Christine Rebet dal titolo 'Meltingsun', a cura di Maria Rosa Sossai e Francesco Urbano Ragazzi.

Un sole rovente e del tutto artificiale che si anima tra le pieghe di disegni e sculture dell'artista francese che attualmente vive e lavora tra Parigi e New York. Il pubblico potrà così ammirare l'atelier dell'artista o, meglio, una sua immaginifica 'maison de luxe', costruita intorno ad un'anomala catena di produzione composta da bozzetti, calchi e macchinari metallici in cui s'intravedono i segni di un'improbabile collezione di gioielli: architetture del corpo che proliferano e riemergono, trasfigurate e spogliate della loro sensazionale lucentezza. Nell'universo visionario della Rebet, le 'parure' regali di Mellerio dits Meller, la più antica compagnia di gioielli che veste le regine di tutto il mondo fin dai tempi di Maria De Medici, perdono la loro patina di vanità e si trasformano in amuleti woodoo, catene, medaglie, scudi, armature. Insomma, una esplorazione del linguaggio delle élite attraverso l'appropriazione di un campionario di gesti ed espressioni. Come i modelli di una collezione, i titoli di Rebet risuonano nelle sale di AlbumArte, evocando con grazioso cinismo immaginari esotici, coloniali, industriali, militari tra moda e imitazione della natura: Symphony of a satin chiffoneur, Heaven infused, Blue Maidens, Duchess on Tortoise Escape, Duet Solomite, Steamline crusaders, Wasteland, Nap in Hamada, Nécessaire pour Héritière.

Una mostra suggestiva che rappresenta, inoltre, il culmine di un processo di ricerca avviato con il progetto 'Duplex' di Francesco Urbano Ragazzi e AlbumArte, sviluppatosi durante una loro permanenza a Parigi, alla Cité des Arts nel febbraio 2014. Nel periodo trascorso in Francia, i due curatori hanno iniziato un'indagine sulla scena artistica della città in collaborazione con alcuni operatori del contemporaneo particolarmente attivi nel contesto urbano. Tra i più di cento artisti incontrati i due curatori, con Cristina Cobianchi e Maria Rosa Sossai, hanno selezionato per la residenza e la mostra personale a Roma Christine Rebet che ha sviluppato e che integrerà, durante il soggiorno romano, il discorso intrapreso con i curatori e i critici attorno all'idea di spazializzazione del disegno. Una mostra da non perdere, dunque, per la particolarota delle opere e per un inaspettato quanto gradevole incontro con uno spazio esposivitivo tutto da scoprire.

INFORMAZIONI
Titolo:
 'Meltingsun'
Artista: Christine Rebet
Quando: dal 7 ottobre al 13 dicembre 2014
Dove: AlbumArte | Project Space, Via Flaminia 122 Roma
Orari: da martedì a sabato ore 15:00 - 19:00 (o su appuntamento). In occasione della Decima Giornata del Contemporaneo AMACI AlbumArte osserverà i seguenti orari: sabato 11 e domenica 12 ottobre dalle 11 alle 19
Telefono: 06.3227802
E-mail: info@albumarte.org  
Sito web: AlbumArte



bullet hover email hover menu arrow