Royale' Creative

facebook twitter

Mostre

'Cleopatra': tra donna, storia e mito Roma rende omaggio alla Regina d'Egitto

In mostra al Chiostro del Bramante 200 opere da 9 musei nazionali ed esteri che raccontano la vita avvincente di uno dei personaggi più controversi dell'antichità, la sua centralità nelle vicende politiche dell'epoca e il rapporto con la Città eterna
Emanuele Dorru - 14/10/2013
Ha aperto la strada a quel rapporto tra potere e seduzione che si è ripetuto all'infinito nella storia della politica di tutto il mondo, tanto che di lei Plutarco in 'Vita di Antonio' scrisse: "A quanto dicono la sua bellezza in sé non era del tutto incomparabile, né tale da colpire chi la guardava. Ma la sua conversazione aveva un fascino irresistibile, e da un lato il suo aspetto, insieme alla seduzione della parola, dall'altro il temperamento…erano come un pungiglione penetrante". E nonostante la disinformazione su di lei promossa dall'imperatore Augusto e dagli storici filo-augustei, causa di una 'damnatio memoriae' dalla durata ormai bimillenaria, Cleopatra la Regina d'Egitto continua ad esercitare una curiosità ed un fascino irresistibili.

Oggi, a 13 anni di distanza dall'ultima esposizione dedicata da Roma alla Regina d'Egitto nel 2000 che fece registrare un record assoluto di visitatori, Cleopatra ritorna nella Città eterna con un'esposizione per la quale si sono mobilitati nove musei nazionali ed esteri. Il Museo Egizio di Torino, i Musei Vaticani e quelli Musei Capitolini, il Museo Nazionale Romano, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il Museo Egizio di Firenze. Ed ancora il British Museum di Londra, il Musée du Louvre di Parigi e il Kunsthistorisches Museum di Vienna hanno messo a disposizione le opere e i reperti in loro possesso raccolti e allestiti nella Capitale da Giovanni Gentili, già curatore della memorabile mostra su Giulio Cesare. Un titolo emblematico 'Cleopatra. Roma e l’incantesimo d'Egitto' per una mostra destinata, anche stavolta, a lasciare il segno, un percorso che oltre a rivelare la vita della Regina d'Egitto approfondisce il suo rapporto con la Città eterna Roma, quando poco più che ventenne conquistò prima Giulio Cesare e poi Marco Antonio.

CLEOPATRA, REGINA FATALE (da FOCUS STORIA 2008)


"Una donna non bellissima ma di estremo fascino, come diceva Plutarco che pure la odiava - dice il curatore Giovanni Gentili - estremamente colta, intelligente, conosceva tutte le lingue". "Una donna dal vivo temperamento che a soli vent'anni salì da sola al governo di un territorio che, grazie a lei e al suo amore con Marco Antonio, tornò ad essere enorme". L'esposizione approfondisce per la prima volta il rapporto tra Cleopatra e Roma quando, poco più che ventenne, conquistò prima Giulio Cesare poi Marco Antonio". Il percorso  espositivo è suddiviso in nove sezioni che vogliono "ripercorre quel fascino, quell'incanto che l'antica Roma aveva nei confronti dell'antico Egitto" prosegue Gentili. "Una terra misteriosa, ricchissima e fertilissima, guardata dalla nobiltà romana con sprezzo ma al contempo con invidia e con avidità - sottolinea -. Una terra che produceva materiali 'magnifici', di cui le matrone romane si ornavano, gioielli, ori, argenterie ambitissimi che Roma non sapeva produrre".

Tra i 180 capolavori esposti spiccano il ritratto di Cleopatra cosiddetto 'Nahman', esposto per la prima volta in Italia, l'Alessandro Magno 'Guimet' del museo del Louvre, capolavoro della scultura ellenistica, e lo spettacolare ma quasi sconosciuto mosaico del Nilo, dal museo di Priverno in provincia di Latina. Per una curiosa coincidenza del destino, in contemporanea proprio in questi giorni Roma ospita una retrospettiva dedicata ad Augusto, acerrimo nemico di Cleopatra. "Sembra che il destino li voglia vicini e nemici per l'eternità - fa notare Gentili -. Augusto acquisisce il suo titolo proprio in seguito alla conquista dell'Egitto, quindi si può dire che nasce sulle ceneri del regno di Cleopatra". "In questa mostra, è interessante vederlo in un reperto straordinario. Secondo il costume tradizionale - spiega il curatore -, dovrà conciarsi da faraone per poter essere bene accetto dalla popolazione indigena: qui abbiamo un grande rilievo che lo raffigura in veste faraonica, ornato dal sacro serpente mentre offre doni alle divinità locali".

INFORMAZIONI
Titolo:
 'Cleopatra. Roma e l'incantesimo dell'Egitto'
Quando: Dal 12 ottobre 2013 al 2 febbraio 2014
Dove: Roma, Chiostro del Bramante (piazza Navona)
Orario: Tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00. Sabato e domenica dalle 10.00 alle 21.00 (la biglietteria chiude un'ora prima)
Ingresso: Intero € 13,00 (audioguida inclusa). Ridotto € 11,00 (audioguida inclusa). Per i dettagli leggi qui...
Informazioni e prenotazioni: 06.916508451 / 06.68809035
E-mail: info@chiostrodelbramante.it 
Siti web: www.chiostrodelbramante.it / www.mostracleopatra.it

bullet hover email hover menu arrow