Royale' Creative

facebook twitter

Mostre

Dopo secoli senza tracce ora il Guercino ritrovato si mostra al pubblico

In un'esposizione straordinaria a Palazzo Ducale a Modena, oggi sede dell'Accademia Militare, sarà possibile ammirare per la prima volta l'opera 'Giuseppe e la moglie di Putifarre' dipinta nel 1631 scomparsa nei vari passaggi di corte in corte
Redazione/GP - 13/09/2013
Era stato dipinto nel 1631 per  Francesco I d'Este, duca di Modena, ma successivamente, durante i moltissimi viaggi e passaggi di corte in corte, del quadro 'Giuseppe e la moglie di Putifarre' realizzato da Giovanni Francesco Barbieri soprannominato il Guercino, si perse ogni traccia. Gli studiosi erano perfettamente a conoscenza dell'esistenza del capolavoro, proprio grazie alla notevole mole di documentazione esistente sul Guercino, ma furono troppi gli spostamenti per le famiglie private che alla fine venne disperso.

Si pensa che fu Laura Martinozzi, membro del governo modenese molto stimata dalla famiglia d'Este, a ricevere in dono il quadro e a portarlo con sé nelle maggiori corti europee una volta ritiratasi a vita privata. Dopodiché il capolavoro, passò nelle proprietà di varie famiglie della nobiltà umbro-marchigiana, fino all'acquisizione da parte della Zanasi Foundation, avvenuta nel 2011. Oggi questa splendida tela dipinta durante il cosiddetto periodo transizionale, sarà visibile per la prima volta al pubblico dal 22 settembre al 20 novembre negli spazi di Palazzo Ducale a Modena, in una mostra curata da Nicholas Turner e Federica Gasparrini.



"Senza dubbio, 'Giuseppe e la moglie di Putifarre' è uno dei dipinti da galleria più strabilianti prodotti dal Guercino nel 1631 - ha detto curatore dell'esposizione, Nicholas Turner - durante il cosiddetto periodo transizionale, in un momento particolarmente produttivo della sua carriera". "Dal mio lavoro e dalla mia passione per l'arte - ha spiegato Stefano Zanasi creatore della fondazione che porta il suo nome che promuove l'arte, la cultura, la ricerca scientifica e la tecnologia in ambito medico - ho imparato che l'amore della bellezza è unico in ogni campo. L'arte di per sé significa realizzazione di un gesto che debba dare piacere a chi lo esegue e a chi poi lo fruisce, intersecandosi pertanto in un'unica performance che si accomuna con quella del gesto chirurgico. Ringrazio la Città di Modena per aver accettato di ospitare questa significativa manifestazione culturale". Il Guercino ritrovato, dunque, si presenta al pubblico come una mostra imperdibile, dedicata a un Maestro assoluto, nato a Cento nel 1591 e morto a Bologna nel 1666, dopo aver lasciato all'umanità alcune delle più straordinarie opere mai realizzate.

INFORMAZIONI
Titolo:
 'Giuseppe e la moglie di Putifarre'
Quando: dal 22 settembre al 20 novembre 2013
Dove: Modena, Palazzo Ducale
Orari: dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 19.00. Sabato e domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 19.00
Ingresso: gratuito
Sito web: Comune di Modena-Palazzo Ducale

bullet hover email hover menu arrow