Royale' Creative

facebook twitter

Mostre

Edward Munch e quell'Urlo che fu solo un "incidente di percorso"

Nell'anno del 150esimo anniversario della nascita, Palazzo Ducale a Genova dedica al grande artista norvegese un'esposizione con le opere che egli stesso prediligeva. In mostra anche la serigrafia munchiana realizzata da Andy Warhol
Emanuele Dorru - 14/11/2013
Titolo: Serigrafia de L'Urlo realizzata da Andy Warhol


Tutti i grandi artisti in ogni categoria (arte, cinema, letteratura) sono sempre accompagnati da un'opera "mediatica" che dà loro successo ma che, in alcuni casi finiscono addirittura per rinnegare. Così è stato ed è per molti, e così è stato anche per Edward Munch, pittore e incisore norvegese, noto al mondo per il quadro dal titolo 'L'Urlo' del 1893. Opera simbolo dell'angoscia e dello smarrimento che segnarono tutta la vita dell'artista, il quadro fa parte di una serie di tele denominate 'Il Fregio della Vita', in cui Munch ha esplorato i temi di vita, amore, paura, morte, malinconia ed ansia. Ma 'L'Urlo' per lo stesso Munch rappresenta quasi "un incidente di percorso".

La stragrande produzione di Munch, il vero lavoro dell'artista, quello che egli stesso considerava "degno di essere venduto" è "Anti-Urlo", è quello che viene sintetizzato dalle 80 opere in mostra fino al 27 aprile 2014 al  Palazzo Ducale di Genova. Opere sublimi, forse meno note, ma che egli credeva rappresentative della sua poetica: sono state selezionate proprio in base a questo criterio dal curatore della mostra, Marc Restellini, direttore della Pinacotheque de Paris che ha ospitato nel 2009 una delle mostre su Munch di maggior successo, incentrata anch'essa al di là del L'Urlo. Un percorso che offre dunque al pubblico la straordinaria possibilità di vedere da vicino e per la prima volta le opere che di norma sono custodite gelosamente nelle dimore private dei pochi e fortunati proprietari dell'opera munchiana.

150 ANNI FA NASCEVA UN GRANDE ARTISTA. Con questa esposizione, dunque, Genova è una delle tre città europee che quest'anno celebrano i 150 anni della nascita dell'artista. Oslo, che con il resto della Norvegia detiene la quasi totalità della produzione munchiana, ha seguito una linea onnicomprensiva. Zurigo che si è concentrata sull'opera grafica. E poi la città ligure dove la lettura dell'opera di Munch intende riportare l'asticella dell'interpretazione munchiana verso il vero interesse dell'artista.


[Serigrafia realizzata da Andy Warhol. 'Self-Portrait with Skeleton's Arm' (After Munch), 1984]

LONTANTO DAGLI OCCHI, SE UN'OPERA D'ARTE DIVENTA UNA PROPRIETÀ ESCLUSIVA. Da sempre Edvard Munch riscuote un incredibile successo sia tra i cultori dell'arte sia tra la gente comune. Ma le sue opere raramente vengono esposte. E questo perché sono conservate, nella quasi totalità del corpus in pochissimi musei norvegesi e nelle dimore private di un ristrettissimo gruppo di collezionisti norvegesi che vivono in un piccolo villaggio fuori dal mondo, con regole e relazioni del tutto particolari: né i musei, né tantomeno i collezionisti tendono a privarsene anche se per pochi mesi. Gli avvenimenti di cronaca degli scorsi anni, il più eclatante dei quali il furto di un'opera di Munch, certo non tendono a facilitare i prestiti. Ecco perché organizzare unʼesposizione di questo genere diventa un vero e proprio avvenimento, una sfida indubbiamente affascinante ma incredibilmente impegnativa. 

LA PITTURA COME BOZZA, L'INCISIONE COME OPERA. A Genova il pubblico vedrà Munch con gli occhi di Munch, vedrà quello che l'artista ha più amato e su cui ha concentrato la sua produzione: le opere grafiche, che erano il suo vero motivo di interesse, rappresentate magnificamente con le incisioni su legno, presentate per la prima volta in questa mostra, o con la prestigiosissima e inedita collezione Linde (dal cognome del medico che ospitò a lungo Munch nella sua magione di campagna dando parziale sollievo alla sua anima tormentata), e gli olii più intimi, dai ritratti ai paesaggi. Per raccontare la complessità dell'uomo e del suo percorso artistico "inverso", basti ricordare che per Munch la pittura era propedeutica all'incisione grafica. Le varie versioni della 'Madonna', opera emblematica e iconica dell'artista esposta anch'essa a Genova, sono il risultato finale di un lungo lavoro preparatorio in pittura. Per lui infatti la pittura era la "bozza", l'incisione era l'opera.

L'OMAGGIO POP DI ANDY WARHOL ALL'ARTE DI MUNCH. Una piccola mostra nella mostra dal titolo 'Warhol after Munch'. È questa chicca a sorprendere i visitatori in chiusura mostra, una sezione con le straordinarie opere realizzate da Andy Warhol che interpreta alla sua maniera Edvard Munch: L'Urlo, l'Autoritratto, la Madonna e d Eva Mudocci, l'amata violinista presente in tante sue opere. espressioni dell'angoscia profonda di Munch, diventano icone pop nell'opera di Warhol, che li colora, li moltiplica, e ci fa sorridere. Un segno smitizzante e leggero, dopo la profondità dolorosa dell'artista norvegese. È un Warhol appassionato quello che trae ispirazione proprio dalle opere del periodo simbolista di Munch, quando l'incisione diventa strumento per sviluppare le sue meditazioni su l'ansia, la mortalità, e la bellezza ideale. Andy Warhol unisce l'immagine 'autoritratto' alla 'Madonna' e stampa la coppia in una varietà di combinazioni di colori che alterano ulteriormente l'effetto visivo. Copiando e manipolando Munch, Warhol fa propria la sua arte: i colori abbaglianti trasformano la superficie proiettando echi decorativi e allegri degli angoscianti "originali". Il corto circuito è assicurato: l'artista dei sentimenti più oscuri interpretato dallʼartista pop per eccellenza.

INFORMAZIONI
Titolo: '
Edward Munch'
Quando: 6 novembre 2013 - 27 aprile 2014
Dove: Genova, Palazzo Ducale, Appartamento del Doge
Orario: Da martedì a domenica (ore 9-19), lunedì (ore 14-19). La biglietteria chiude un'ora prima
Biglietteria: Intero € 13,00. Ridotto € 11,00
Infoline eprevendita: 010.9868057
Informazioni e prenotazioni scuole: 010.5574004
E-mail: biglietteria@palazzoducale.genova.it
Sito web: Palazzo Ducale di Genova


bullet hover email hover menu arrow